m06

Come vi avevamo anticipato alcuni giorni fa, il 28 Gennaio scorso a Roma l’attore Matthew McConaughey ha partecipato ad una conferenza stampa per promuovere il suo ultimo film Dallas Buyers Club, per cui – come saprete bene – è nominato agli Oscar nella stessa categoria di Leonardo. Data la sua interpretazione di Mark Hanna in The Wolf of Wall Street, non poteva mancare una domanda sull’ultimo lavoro di Scorsese! A Roma per noi di LeoDiCaprio.it c’era Simona, che non solo l’ha incontrato, ma è riuscita anche a consegnargli un collage con alcune delle foto del nostro Fan Project. A questo punto lasciamo a lei la parola!

Dopo la mia mancata partecipazione alla premiere londinese di The Wolf of Wall Street, il mio morale era molto giù e quindi ho provato a risollevarmi incontrando almeno un membro del cast , ovvero Matthew McConaughey, peraltro assente a Londra. L’attore texano è stato nei giorni scorsi a Roma per presentare il suo ultimo film da protagonista: Dallas Buyers Club, distribuito in 150 sale a partire dal 30 gennaio. Il film è stato presentato in concorso all’ultimo Festival Internazionale del Film di Roma dove si è aggiudicato il premio del pubblico e quello per il migliore attore andato proprio a McConaughey. Oltre a questo premio Matthew nell’ultimo mese ha collezionato diversi premi e candidature, tra i tanti il Golden Globe come miglior attore in un film drammatico e la nomination agli Oscars. Proprio quest’ultima lo pone come uno dei “probabili ostacoli” tra Leonardo DiCaprio e l’ambita statuetta; e  per questo ho fatto di tutto per incontrarlo e mi sono diretta a Roma per partecipare alla sua conferenza stampa a nome di LeoDiCaprio.it.

La sera prima della conferenza mi sono “appostata” sotto l’albergo che l’indomani avrebbe ospitato l’evento sperando che McConaughey vi alloggiasse. Dopo un’oretta di pazienza eccolo spuntare fuori da un’ automobile con la moglie Camila Alves alquanto preoccupato, non per i fan, ma perché la moglie aveva smarrito la borsetta che una decina di minuti dopo gli verrà recapita in albergo dall’autista. Nonostante ciò McConaughey si ferma comunque a firmare qualche autografo anche se rimanda la possibilità di fare foto al giorno dopo; io, dal canto mio, riesco ad avere una dedica (“Simona just keep living”) e a scambiare qualche battuta.

Spinta dall’entusiasmo la mattina di buon’ora mi dirigo alla conferenza stampa e riesco ad ottenere la quarta fila, tenendo conto che la prima fila era riservata ai produttori tra i quali Lapo e Ginevra Elkann e che ogni fila comprendeva otto posti, il risultato è ottimale. Matthew arriva puntualissimo ed è sorridente e gentile con tutti. La conferenza stampa verte soprattutto su Dallas Buyers Club anche se non mancano le domande su The Wolf of Wall Street, la collaborazione con Martin Scorsese e la nomination agli Oscars. A tal proposito è simpatico il siparietto in cui la stampa scoppia a ridere dopo che l’attore allude alle numerose nominations ricevute dal collega Leonardo DiCaprio, e poi “finge” di non capirne il perché.

m02

Al termine della conferenza, la stampa è invitata a uscire e quindi la mia occasione per consegnargli l’artwork preparato dallo staff del sito sembra ormai sfumata. Visto che non sono una persona che si perde d’animo facilmente, decido di aspettare nuovamente Matthew all’uscita dell’hotel. Nell’attesa riporto alla mente una cosa appresa la sera precedente, ossia che è il compleanno di Camila Alves. Calcolando i tempi stretti che i due avranno all’uscita, visti i fan ma soprattutto la presenza di due dei loro tre figli che vanno sempre e comunque tutelati e rispettati, decido di pensare a qualcosa di creativo per attirare la loro attenzione. Vado da un fioraio lì vicino e compro una gerbera rosa da regalare a Camila. Finalmente alle 15 Matthew esce dall’hotel con i suoi due bambini e li scorta fino al van che li attende, Camila lo segue a ruota e si infila subito dentro, sembra ormai tutto perso, ma Matthew sorridente si dirige verso di me. Sopraffatta dall’emozione gli consegno subito il fiore e lui mi ringrazia gentilmente sorridendomi, poi, visto che rischia di perdere l’aereo, chiede di fare una foto veloce con un gruppo di fan. Nell’agitazione generale vengo spinta un po’ indietro e, senza accorgermene, mi appoggio proprio sulla spalla di Matthew. Dopo la foto mi avvicino per farmi firmare l’artwork e lui sempre sorridente mi dice: “It’s a gift for me?” non riesco a non dirgli “Yes!” e lui continua ringraziandomi e dicendomi “It’s beautiful!”. Entrato anche lui nel van consegna subito il fiore alla moglie e mi indica e io da fuori li saluto agitando la mano mentre il pulmino si allontana.

m05

Sono riuscita nell’impresa ed ho lasciato un mio (e un vostro) ricordo, seppure effimero, ad un altro attore che ha lavorato con Leonardo, ma che è soprattutto un grande professionista che sta accrescendo il suo talento film dopo film.

P.S.: Nel video non si vede il momento della consegna ma vi assicuro che c’è stato, può testimoniarlo l’intero staff dell’hotel che mi ha “supportato” per due giorni e a cui va il mio ringraziamento per la grande professionalità dimostrata. Grazie anche ai miei insostituibili compagni di avventure.

Vi lasciamo con il video girato da Simona (cliccate qui per tutte le foto), e vi anticipiamo che – visto che a noi di LeoDiCaprio.it piace puntare in alto – la prossima persona a cui tenteremo di consegnare il nostro Fan Project (e non solo) sarà niente meno che Martin Scorsese a Berlino… incrociate le dita per noi!

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi