national-geographic-dicaprio

Il nuovo documentario di Leonardo DiCaprio, prodotto da Fisher Stevens e che vede Martin Scorsese come produttore esecutivo, sarà distribuito da National Geographic Channel che na ha acquisito i diritti.

Il film esamina come la società possa prevenire la scomparsa delle specie in via di estinzione, gli ecosistemi e le comunità indigene di tutto il mondo. Presenta la prova visiva di un peggioramento della crisi ambientale che sta infliggendo danni irreversibili ai paesaggi incontaminati di tutto il pianeta, dalla Groenlandia all’Indonesia, disturbando l’equilibrio del clima del nostro pianeta e accelerando l’estinzione degli animali.

L’Amministratore Delegato di National Geographic Global Networks Courteney Monroe ha annunciato che il documentario uscirà nelle sale nel mese di Ottobre e globalmente su National Geographic Channel prima delle elezioni presidenziali Americane. Al momento non è stata ancora annunciata una data di uscita Italiana.

Nel film Leonardo DiCaprio intervista personalmente grandi personalità politiche e non tra cui Barack Obama, l’ex presidente Bill Clinton, il Segretario di Stato John Kerry, il segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon e Papa Francesco, così come i migliori ricercatori della NASA, ambientalisti, scienziati forestali, leader di comunità e attivisti.

“National Geographic ha come obiettivo quello di ispirare gli altri a prendersi cura del pianeta”, ha detto Monroe. “Ora, nel bel mezzo della crisi innegabile che è il cambiamento climatico, abbiamo la responsabilità di ispirare gli altri ad agire. Non ho alcun dubbio che la portata globale del nostro marchio, in combinazione con la passione di DiCaprio per questo problema e la narrazione avvincente di Fisher porterà questa questione critica alla ribalta come mai prima”.

“Il cambiamento climatico è la minaccia più fondamentale per il nostro pianeta”, ha detto DiCaprio in un comunicato. “Dobbiamo lavorare insieme come una voce collettiva per chiedere un’azione importante ora. La nostra stessa sopravvivenza dipende da questo. Il nostro documentario traduce i sintomi e le soluzioni del cambiamento climatico prima che l’informazione venga distorta, come spesso accade, per coloro che hanno un interesse finanziario nella produzione di combustibili fossili”.

“Se si potesse conoscere la verità su quanto danno abbiamo fatto al nostro pianeta e quanto tempo abbiamo per trovare soluzioni prima che tutto questo ecosistema crolli – vorreste saperlo? Non possiamo più chiudere gli occhi davanti a questo problema e spero che si risolva “, ha aggiunto Stevens. “La mia speranza è che questo film risvegli un campanello d’allarme circa il nostro destino inevitabile qualora non agissimo. E alla vigilia di quella che potrebbe essere l’elezione più importante del nostro tempo, spero che questo film non solo educhi il pubblico sulla minaccia grave che abbiamo di fronte, ma costringa anche gli elettori a pensare davvero a quanto sia importante il loro voto questo autunno “.

Il documentario è una produzione RatPac Documentary Films, Appian Way e Insurgent Media Production. È prodotto da Leonardo DiCaprio, Brett Ratner, Fisher Stevens, James Packer, Jennifer Davisson e Trevor davidoski con la produzione esecutiva di Martin Scorsese.