Il nostro Leo non si risparmia mai quando si tratta di aiutare l’ambiente, e lo sappiamo. Infatti si sarebbe appena unito a IFAW (Fondo internazionale per il benessere degli animali), diventandone membro onorario, nel chiedere alla comunità internazionale di intensificare gli sforzi per salvare gli elefanti dal bracconaggio e dal commercio illegale di avorio, che sono aumentati notevolmente negli ultimi anni.

“Nel 2011 ben 24,3 tonnellate di avorio sono state sequestrate dalle autorità governative di tutto il mondo, la più grande quantità registrata dal 1989. Purtroppo questa tendenza continuerà nel 2012”, ha detto Leonardo, “il bracconaggio diffuso è stato registrato in tutta l’Africa, anche in zone dell’Africa australe che in precedenza erano considerate sicure per gli elefanti.”

Se il divieto di produrre avorio del 1989 ha causato una diminuzione del numero di elefanti uccisi dai bracconieri, solo l’anno scorso invece, circa 3.000 elefanti sono stati macellati.

“Gli elefanti sono in crisi, ancora una volta. Dobbiamo riuscire insieme a ridurre la richiesta di avorio”, ha aggiunto Leonardo, “Non possiamo continuare a decimare elefanti e altre specie per esigenze di produzione”.

Anche il Vice presidente Esecutivo sembra davvero entusiasta di avere Leonardo a bordo:

“Siamo entusiasti di unire le forze con lui nella nostra missione di aiutare gli elefanti a vivere in sicurezza in natura, il suo impegno per il benessere degli elefanti è fondamentale per educare e ispirare la prossima generazione di leader di conservazione.”

Ottimo lavoro Leo!